Come diventare buoni

167057123.2.jpgCome diventare buoni
Nick Hornby

Guanda, 2001

Prezzo: 15.00 €

Ormai la mia passione per Nick Hornby sarà palese… Lo adoro!
E questo libro non è da meno degli altri che ho letto.

**Attenzione: di seguito viene rivelata, del tutto o in parte, la trama dell’opera.**

La protagonista questa volta è una donna, Katie Karr, sposata da anni con l'”uomo più arrabbiato di Holloway”, marito sarcastico e da cui si sente trascurata, e con due figli.
Katie si sente una donna tutto sommato buona: ha scelto di diventare medico proprio per dedicarsi agli altri, si è sacrificata per la sua famiglia, ma a un certo punto si ritrova con un amante.

Questa è un po’ la scintilla che fa scoppiare una crisi con David, suo marito, anche se in realtà è solo un aspetto secondario di un rapporto ormai deteriorato. Ma David non reagisce urlando o lasciandola e tutto si complica: incontra una specie di santone, BuoneNuove, che ha ottenuto i suoi “poteri” attraverso l’uso di droghe e decide di diventare buono.
Il problema è che diventerà troppo buono e si lascerà coinvolgere in donazioni (anche dei computer e dei giochi dei suoi figli, che non la prendono molto bene…), distribuzioni di cibo e ospitalità ai senzatetto e inizia a scrivere un libro su come diventare buoni.

La situazione diventa sempre più irreale e Katie rimette in discussione tutta la sua vita.

** fine dello spoiler **

Il libro come sempre è ben scritto e il linguaggio, ancora una volta, si adegua perfettamente ai personaggi, adattandosi alle situazioni diverse e alla caratterizzazione di ognuno. La personalità di ogni personaggio è ben delineata e le vicende si intrecciano senza intoppi, se non nel finale, che è un po’ in contrasto con tutto il resto della narrazione e lascia sospesi.
E’ un libro meno ironico degli altri dello stesso autore, perchè il tema, nonostante le apparenze, fa riflettere e rimette in discussione quello che per molti significa “essere buoni”.

Come diventare buoniultima modifica: 2008-09-02T15:33:00+02:00da il_cercat0re
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento